LA STAR DELLA MODA DI MALTA MARCO PARASCANDALO

1

Abbiamo incontrato il designer locale Marco Parascandalo, creativo del marchio di moda PARASCANDALO. Debutto nel 2014, l'approccio di Marco all'abbigliamento da strada è unico nel suo genere, integrando nel suo lavoro aspetti della cultura maltese, della politica e dell'ambiente.

Sei un autodidatta o hai formalmente studiare design di moda?

Ho studiato Arte e Design al MCAST, dove ho lavorato con tutti i tipi di media, tra cui legno, pietra, vetro e ceramica. Ovviamente, la mia lezione preferita è stata quella sui tessuti! Mi ha insegnato le nozioni di base sui tessuti e le tecniche di cucito. Ho anche studiato, privatamente, modellistica e ho lavorato a Londra come stagista di moda. Credo di potermi definire una stilista autodidatta.

1

Foto: Kurt Parigi

Come si è sviluppata l'industria della moda di Malta negli ultimi anni? Voi pensate che la Malta Fashion Week & Awards abbia aiutato voi e altri stilisti a svilupparsi come artisti?

La Settimana della Moda di Malta ci ha aiutato molto come stilisti locali, dandoci una piattaforma per mostrare i nostri disegni e aiutandoci a coinvolgere sia i clienti locali che quelli internazionali. Negli ultimi due anni, l'industria della moda locale si è evoluta molto e ora le persone acquistano i nostri marchi.

Cosa direbbe di modelli di moda, fotografi e altri designer, attivi oggi a Malta?

Il livello di professionalità è cresciuto molto e la qualità è migliorata. È molto gratificante vedere un tale cambiamento e farne parte.

La tua collezione di debutto SKANDLU è stata presentata per la prima volta alla Settimana della Moda di Malta, nel 2014. Come si è evoluto il marchio da allora?

Sì, cinque anni fa ero appena tornato dalla mia esperienza londinese. Nel corso degli anni, PARASCANDALO si è evoluto notevolmente: abbiamo lanciato il nostro negozio online, abbiamo aggiunto l'abbigliamento femminile, abbiamo avviato una linea di borse e accessori e, più di recente, due negozi nei negozi; uno a Sliema da Lee's Hairstylist e uno a Zabbar da The Mad Tatter.

1

1

Qual è l'ispirazione della tua ultima collezione, STAR? Come è nata?

Nel 2017 ho lanciato la collezione VANITY REBELS, che si è concentrata sulla valorizzazione dell'impatto che i social media hanno avuto su di noi. È ritratta in un'estetica vana, ma ribelle. Con STAR, abbiamo adottato l'approccio completamente opposto, dove il significato di STAR era: Iniziare a riconoscere la realtà. Era un messaggio per riportarci alla realtà e aiutarci ad amare il vero te.

Quando hai iniziato, pensavi che saresti arrivato così lontano?

Ero molto ambizioso, ma allo stesso tempo temevo che il mio primo debutto con gli slogan maltesi su una maglietta non sarebbe stato accolto bene. Era un rischio che valeva la pena correre!

1

Foto: Kurt Parigi

Quale delle vostre collezioni considerereste come la vostra preferita?

Hanno tutti un posto molto significativo nel mio cuore, perché disegno ogni singola collezione per rappresentare una parte della mia vita. Mi ispiro a ciò che mi circonda e a ciò che sto passando.

Quali consigli avete per gli altri designer locali che cercano di farsi un nome nel settore?

È molto importante essere originali e progettare con il cuore. Allo stesso tempo, assicuratevi di raggiungere bene il vostro pubblico di riferimento e di commercializzare i vostri prodotti in modo efficace. Per quanto la moda sia un'arte, è anche un business, quindi un mix delle due cose è fondamentale.

Dove si possono mettere le mani su alcuni dei vostri progetti?

Sito web: parascandalomarco.com Instagram: @parascandalo
Shops: Lee's Hairstylist a Sliema e The Mad Tatter a Zabbar.

Fotografo: Kurt Paris

Make up artist: Jennifer Dimech

Parrucchiere: Hair Lee's Hairstylist 

Modelli: Lara e Giulia (Supernova Model Management), Matthew Lanzon

read more...